Impara le basiLavora per le aziende

5 Cose Da Migliorare Per Essere Assunto Online

5 cose da migliorare per essere assunto online5 cose da migliorare per essere assunto online

Stiamo vivendo un bel momento. La tecnologia ci consente per la prima volta di lavorare da casa, regalandoci un’indipendenza che fino a poco tempo fa sembrava impossibile. Il concetto di lavoro si sta ridefinendo rapidamente, e sempre più occasioni si presentano a chi sa dove cercare.

Se in altri articoli vi ho parlato più nel dettaglio di quali aziende assumano e quali mansioni si possano svolgere online, oggi voglio darvi 5 consigli che mi sono stati utilissimi quando ero alle prime armi. Seguirli vi sarà utile per non farvi trovare impreparati e per massimizzare le possibilità di trovare online il lavoro dei vostri sogni. Scopriamo quindi quali sono le 5 cose da migliorare per essere assunto online:

Traduci il tuo curriculum in inglese

5 Cose da migliorare per essere assunto online

Anche se alcuni lavori online non richiedono una grande conoscenza dell’inglese, sicuramente vi sarà richiesto un Curriculum Vitae tradotto. Anche se non dovesse essere esplicitamente richiesto, è buona norma, se vi state candidando per lavorare con un’azienda internazionale, presentare un curriculum in lingua inglese, ormai considerato uno standard universale.Se doveste avere dei dubbi sul vostro livello di inglese, il mio consiglio è quello di affidare questo compito ad un traduttore. Potete farlo per pochissimi euro su siti come Fiverr, così facendo curerete un lato molto importante per essere assunto online.

Migliora il tuo inglese

Rimanendo in tema, questo consiglio trascende dall’argomento del lavoro online. L’Italia vive una situazione infelice con questa lingua, e non padroneggiarla vi precluderà una marea di strade. Esistono siti gratuiti come Duolingo che offrono corsi anche a chi è completamente a secco. Oltre all’ovvia utilità sul piano lavorativo, imparare una lingua è un’esperienza stupenda, e con gli strumenti di cui disponiamo oggi è veramente a portata di tutti. Cominciate oggi a rimediare a questa lacuna, e potrete valutari tantissime altre posizioni lavorative.

La casa è il tuo ufficio

O almeno, questo è quello che stiamo tentando di fare. Quindi, abbiate cura di ricavarvi uno spazio adibito al lavoro. Anche una semplice scrivania in una stanza meno rumorosa delle altre. Tra l’altro, questo è un requisito che molte aziende chiedono esplicitamente quando assumono. Quindi, giocate di anticipo!

Crea e cura il tuo profilo Linkedin

Linkedin è il social network per eccellenza nel mondo del lavoro. Molti trascurano l’importanza di esso come strumento per trovare lavoro, eppure è fornito di un eccezionale sistema di comunicazione tra le aziende e gli aspiranti lavoratori. Compilalo a fondo, descrivendo tutte le tue competenze e le tue esperienze, così che le aziende possano trovarti. E intanto, utilizza la funzione Cerca per trovare nuove occasioni di lavoro ed essere assunto online.

Ottieni una prepagata con IBAN

Quasi ogni istituto bancario oggi offre una prepagata con codice IBAN annesso, gratuitamente o con spese annuali minime. Il mio consiglio è di tenerne una per le sole retribuzioni lavorative, da configurare con siti come Payoneer, che sempre di più diventano l’intermediario standard con cui le aziende pagano i propri dipendenti online.

Questi sono i consigli che sento di dare a chiunque sia alle prime armi e voglia trovare lavoro ed essere assunto online. Per quanto possano sembrare piccole cose, averle messe in atto a tempo debito mi avrebbe risparmiato tante inutili attese. Ora conoscete tutti i passi preliminari, potete consultare gli altri articoli del blog, per trovare nello specifico il lavoro online che state cercando.

Di seguito, trovate un’infografica per riassumere tutto ciò che abbiamo detto sinora:

5 cose da migliorare per essere assunto online

Alessandro
Mi chiamo Alessandro. Sono un musicista con la passione della scrittura, lavoro in internet e amo la tecnologia. Specialmente se può renderci indipendenti.

Leave a Response